Aorta addominale

aorta-addominaleL’ecocolordoppler dell’Aorta Addominale consente di valutare diverse patologie specifiche dell’aorta ed, in particolare, le dilatazioni e le steno-ostruzioni. L’ecocolordoppler nasce infatti dall’incontro di due metodiche diagnostiche: l’ecografia ed il doppler e consente pertanto di esaminare attraverso l’ecografo i principali vasi sanguigni (vene, arterie) studiando il flusso del sangue al loro interno.

L’aorta è il più importante e grande vaso arterioso del nostro corpo. Nasce dal cuore per poi attraversare il torace (aorta toracica) e portarsi nell’addome (aorta addominale). Nell’addome termina circa a livello dell’ombelico dove si divide in due rami: le arterie iliache comuni di destra e di sinistra, le quali continuano nelle arterie femorali dirette agli arti inferiori. Dall’aorta addominale nascono importanti vasi arteriosi che portano il sangue ad organi quali il fegato, lo stomaco, i reni, l’intestino. L’aorta addominale serve dunque a nutrire gli organi addominali e tutti i tessuti degli arti inferiori.

A cosa serve?

L’ecocolordoppler dell’aorta addominale permette di valutarne la parete arteriosa, la presenza di placche di grasso e di calcio, di trombi di dilatazioni aneurismatiche ed infine i caratteri del flusso arterioso.

L’aneurisma dell’aorta addominale è una dilatazione permanente dell’aorta nel suo tratto addominale che tende a progredire sotto l’azione della pressione sanguigna, ed è dovuta ad un indebolimento della sua parete. Al suo interno spesso si trovano dei trombi che possono staccarsi e, trasportati dalla corrente sanguigna, possono andare ad ostruire vasi arteriosi più piccoli (embolia). E’ potenzialmente pericoloso poiché può rompersi e causare una grave emorragia che nella maggior parte dei casi è fatale. L’aneurisma dell’aorta addominale molto spesso non crea disturbi e la sua diagnosi avviene casualmente durante visite o esami per altre patologie. Occasionalmente il paziente può accorgersi della sua presenza perché sente una “strana” pulsazione in addome. In presenza di un’ aneurisma, l’improvviso dolore addominale che si porta ai fianchi o alla schiena associato a debolezza e calo della pressione arteriosa può essere indicativo di una iniziale rottura.

La steno-ostruzione dell’aorta addominale, cioè il restringimento più o meno importante del vaso può essere asintomatico o sintomatico. Il sintomo più importante è la difficoltà a camminare con ridotta autonomia di marcia. Questo si verifica quando il lume del vaso arterioso è ridotto con riduzione della portata di sangue ai muscoli degli arti inferiori e maggiore faticabilità dei muscoli. Il sintomo che il paziente avverte è proprio un dolore profondo ai glutei ed ai muscoli della coscia dopo un determinato percorso. Il restringimento è causato dalla presenza di placche di grasso e/o di calcio i cui fattori di rischio sono, l’età, la familiarità, l’ipertensione arteriosa, le dislipidemie, ed il tabagismo.

Preparazione

2 COMPRESSE DI CARBONE VEGETALE PER 3 VOLTE AL GIORNO 3 GIORNI PRIMA DELL’ESAME
4 (QUATTRO) GIORNI PRIMA DELL’ESAME E’ NECESSARIO EFFETTUARE UNA DIETA, EVITARE LATTE, FORMAGGI, VERDURE (SOPRATTUTTO LEGUMI), FRUTTA FRESCA,CARNE ROSSA, ALCOLICI E BEVANDE GASSATE
SI PUO’ MANGIARE: POLLAME, VITELLA, PESCE MAGRO, UOVA, FEGATO, TONNO, POCA PASTA, POCO PANE E CAFFE’